mercoledì 30 maggio 2012

Girelle Dolci



 

A volte.. 
Spesso..

Quasi sempre mi intrippo con le ricette in cui inciampo, vale a dire che mi ci fisso a tal punto che le ripeto e le ripeto e le ripeto.. fino a quando qualcos'altro arriva repentino a portargli via il primato! 
Tuttavia, ho una fissa, una vera e propria mania che è diventata la mia ricetta/tentativo annuale: i croissant. 
Ormai credo siano circa sei anni che ci provo, per un totale di almeno 15 tentativi...ma ancora nulla che mi soddisfi. Le brioches per me erano sempre troppo panose, o troppo "biochose" (senza sfogliatura), o troppo burrose... ed il sapore del burro chimico che si trova al supermercato davvero mi dà la nausea!
Ultimamente stavo infatti pensando di provare a sfogliarle con la margarina (che a quanto dicono le mie fonti è utilizzata anche dai panifici/pasticcieri)..non che sia meno chimica del burro, ma almeno il sapore non dovrebbe essere così forte!

Accantonando per qualche riga le brioches... dicevo che m'intrippo per le ricette..sì: questa volta sto parlando della Torta di Rose! L'ho già fatta tre volte, provandola anche al cioccolato (preferisco la versione classica). 
L'ultima volta che l'ho fatta ho lasciato la pasta un po' più spessa e ho anche fatto un casino con gli ingredienti a dire il vero: ho messo 75 gr di burro (anziché 40) e non ho mescolato gli ingredienti nel loro ordine.. Beh, è venuta meglio di sempre!! Le rose sono cresciute tantissimo non solo nel tempo di lievitazione, ma anche in fase di cottura, alla fine esplodevano dalla teglia!

Inoltre ho voluto provare un burro nuovo: Burro Sciaves che si è dimostrato il miglior burro che abbia mai comprato, buono delicato e fragrante! Infatti, nonostante abbia messa quasi il doppio della dose prevista, la torta era più buona di sempre!


Tutto questo preambolo in realtà, non era per parlare della torta di rose, ma per parlare di Brioches. sì perché nello scoprire un burro così perfetto la mia mente ha subito creato un accostamento tra l'impasto della torta di rose e quello dei croissant, una lampadina, un barlume di speranza!!



E allora stasera ho rifatto l'impasto previsto per la Torta di Rose: 
L'ho sfogliato con quattro girate (utilizzando la farcia prevista dalla ricetta e facendo riposare 15' in frigo ogni volta), arrotolato l'impasto e adagiato nei pirottini d'alluminio. Cotto in forno preriscaldato a 160° per circa 20' (gli ultimi 5' ho spennellato la superficie con acqua e zucchero). 


girella
Le idee fisse sono come i crampi:
il modo migliore di farle passare è camminarci su!
S.K.



Considerazioni: 
Devo ancora mangiarli in realtà, aspetto domani la colazione assieme al responso di Ciccio malatino per esser certa del risultato. Ciò che posso dire è che, il barlume di speranza s'è dimostrato quello che valeva: un'altro vicolo cieco. La sfogliatura è venuta, ma mi aspettavo almeno un raddoppiamento del volume, che non è avvenuto. 

****
Beh, non è certo quello che mi aspettavo! Effettivamente mancano di lievitazione, però... si può migliorare! 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...